Serg. Magg. Sab. Par. (s.p.e.) Giannino CARIA M.O.V.C.

Il Presidente della Repubblica, per iniziativa del Presidente del Consiglio dei Ministri e su proposta del Ministero dell’Interno, ha concesso la medaglia d’Oro al Valor Civile alla memoria del Serg. Magg. incursore par. Giannino CARIA con la seguente motivazione:

“CON ALTO SENSO DI GENEROSA SOLIDARIETA’ E CON ARDIMENTOSO SLANCIO CHIEDEVA DI PARTECIPARE VOLONTARIAMENTE ALLE DIFFICILI OPERAZIONI DI RECUPERO DELLE SALME DEI PROPRI COMMILITONI RIMASTE PRIGIONIERE, SUL FONDO DEL MARE, NEL RELITTO DI UN AEREO INABISSATOSI IN TRAGICHE CIRCOSTANZE, MALGRADO LA VIOLENTA AVVERSITA’ DEGLI ELEMENTI NATURALI NON DESISTEVA DALL’EFFETTUARE RIPETUTE RISCHIOSE IMMERSIONI, FIN QUANDO RESTAVA VITTIMA DEL PROPRIO INDOMITO VALORE, FACENDO OLOCAUSTO DELLA GIOVANE VITA E LEGANDO COSI’ IL SUO DESTINO A QUELLO DEI COMMILITONI CADUTI. NOBILE ESEMPIO DI COMPLETA DEDIZIONE AL DOVERE E DI SUBLIME ABNEGAZIONE”

Il Serg. Magg. Giannino CARIA, decorato di M.O.V.C. alla memoria, era un giovane effettivo della Brigata Paracadutisti “Folgore”, nato a Macomer, in provincia di Nuoro, il 30 dicembre 1945. Aveva lasciato la Sardegna nel 1964 per intraprendere la carriera militare presso la Scuola Sottufficiali di Rieti. Nel 1965 venne selezionato per essere preso in forza alla 1a Compagnia sabotatori  Paracadutisti ed inviato alla Scuola Militare di Paracadutismo di Pisa per acquisire il brevetto di paracadutista. Rientrato al reparto speciale della Folgore superò il corso di guastatore paracadutista, successivamente superò anche con ottimi risultati i corsi di rocciatore e sciatore presso la Scuola Militare Alpina di La Thuile in Valle d’Aosta. Nel 1966 partecipa senza tregua, con i colleghi del reparto, ai soccorsi alle popolazioni alluvionate di Santa Maria a Monte e Pontedera in provincia di Pisa. Nel 1968 è inviato al Varignano (La Spezia) presso il Comando Subacqueo incursori della Marina Militare per frequentare il corso per l’abilitazione all’impiego delle apparecchiature subacquee. Esperto nella tecnica dei lanci ad apertura comandata è sempre tra i primi nelle impegnative esercitazioni interforze e improvvise necessità di reparto. Rientrato da Laives (BZ) dove, insieme ad altri colleghi delle Forze dell’Ordine, aveva trascorso una lunga missione salvaguardando i nostri confini e le linee elettriche da atti di vili attentati che causarono tra l’altro la morte di suoi commilitoni paracadutisti era tornato al duro addestramento della 2a Compagnia. Il 9 novembre 1971, alla notizia della tragedia dell’Hercules C-130 caduto nelle acque prospicenti lo scoglio della Meloria con il suo carico di 46 giovani paracadutisti, partecipa con i colleghi del Battaglione Sabotatori alla triste e lunga operazione di recupero dei resti dei giovani commilitoni. Come tutti aveva sentito la sciagura gravare su di lui, una sorta di responsabilità morale. Come era nel suo carattere si era impegnato al massimo, non badando allo sforzo, teso nel tentativo di restituire ai genitori dei propri commilitoni le spoglie dei loro cari.

L’impegno e la generosità di Giannino gli costarono la vita. Gli anziani rimpiangono l’amico perduto, i più giovani incursori ne ascoltano le gesta e ne leggono il nome nel lungo elenco dei caduti che si trova nel Piccolo Museo del 9° Reggimento d’Assalto Paracadutisti “Col Moschin”. Ogni anno ne viene ricordata la memoria nella Commemorazione annuale dei Caduti della Meloria, che si svolge presso i due monumenti di Livorno (uno al cimitero Comunale dei Lupi ed uno sul lungomare di Antignano).